Facebook Youtube Youtube
Frùttolo

Storie della buonanotte per bambini

Storie buonanotte bambini

Le storie della buonanotte fanno parte del bagaglio intimo e personale di molti adulti che sono stati bambini un tempo. Anche oggi, come allora, il valore dei racconti di fantasia è immutato e fondamentale per affrontare con serenità e coraggio le piccole sfide della quotidianità, così come il viaggio nell'ignoto che possono rappresentare, agli occhi di un bambino, il sonno e i sogni notturni. Attraverso i loro eroi, i bambini imparano a gestire l’ansia e a non temere le difficoltà. Con la voce di mamma e papà, le storie restano impresse nella mente dei più piccoli e per sempre li accompagnano durante tutta la vita.

In questo articolo, quindi, troverete i consigli per far addormentare i vostri bambini con dolci pensieri; potrete leggere alcune curiosità sul mondo della nanna; avrete, infine, una piccola raccolta di filastrocche e di storie della buonanotte, scelte con cura, in modo che le emozioni che accompagneranno il bimbo verso il sonno possano sempre essere piacevoli e – perché no – divertenti.

Racconti, favole e fiabe

Da sempre, le storie e le favole sono strumenti fondamentali per tramandare la conoscenza, le tradizioni e insegnamenti di vita dalle vecchie generazioni a quelle nuove.

La nostra vita è intrisa di racconti i cui caratteri fondamentali risalgono ai primordi della storia del genere umano. Con il passare dei secoli, personaggi e storie hanno subito modifiche e varianti in base alla collocazione geografica e ai contesti storici, ma, di fatto, la struttura di ogni favola prevede degli elementi fondamentali e immutabili:

  • un eroe
  • un antieroe
  • una sfida da affrontare
  • un finale educativo

Dalle favole di Esopo alle fiabe dei fratelli Grimm, il filo conduttore passa sempre da questi cardini fondamentali. Anche le fiabe dei nostri giorni non possono farne a meno, anche se appaiono del tutto diverse rispetto ai racconti del passato.

Di solito, gli eroi delle fiabe sono principi su un cavallo bianco e un regno in pericolo, un cavaliere coraggioso e intrepido, un mago saggio e generoso; ma non bisogna generalizzare, perché anche nei personaggi femminili le fiabe trovano i propri protagonisti con i loro valori positivi, e non solo nelle fiabe moderne: anche la principessa sul pisello, per esempio, protagonista di una fiaba di Andersen che ha quasi duecento anni, ha la sua sfida da affrontare!

Protagonisti delle favole, invece sono spesso gli animali, con caratteristiche "umane": la furba volpe e il brutto anatroccolo, il leone coraggioso o il gatto con gli stivali fanno capolino dalla pagina illustrata per irrompere nella fantasia dei più piccoli. Nelle favole sono molto importanti anche ambienti e "scenografie" naturali: la foresta incantata, il covo della strega, il bosco magico, e così via. La città, il castello con il suo giardino di fiori e il villaggio, invece, sono prevalentemente ambientazioni tipiche delle fiabe.

Oltre al valore educativo e didattico, le favole e le fiabe oggi si sono arricchite anche di un valore fondamentale come quello della condivisione e partecipazione in famiglia. La condivisione di racconti in famiglia sospende il tempo e narra di personaggi e storie sempre attuali che uniscono piccoli e adulti nell’evolversi delle avventure di tutti i personaggi.

L’importanza delle favole e della fantasia

La fantasia per un bambino è uno dei principali strumenti a disposizione per affrontare la realtà e decifrarne aspetti spesso incomprensibili e stressanti. Con la fantasia, i più piccoli imparano ad affrontare ed elaborare in maniera personale fatti e accadimenti che possono incontrare nella vita di tutti i giorni.

Tramite i racconti e le fiabe, la fantasia prende forma e vive attraverso i personaggi più amati dai bambini. Con un processo di immedesimazione, i piccoli si identificano con il protagonista e vivono le sue avventure quasi sempre a lieto fine.

Temi cari alle favole – sia quelle moderne sia quelle classiche – sono i valori dell'amicizia e della lealtà, del coraggio e della perseveranza; recentemente le storie per bambini hanno prestato grande attenzione alla body positivity e alla cura, alla salute e al rispetto del corpo proprio e altrui.

Si tratta di un processo molto importante per i bambini che, con il giusto distacco, affrontano le loro piccole paure e ansie attraverso i personaggi, imparando a superarle con coraggio e sicurezza. Quando le storie vengono raccontate da mamma o papà, questi racconti di valore e forza d’animo, acquisiscono ancora più credibilità e rassicurano l’animo dei piccoli prima di dormire.

Le storie della buonanotte, inoltre, garantiscono dei momenti di intimità e condivisione in famiglia. Momenti di fondamentale importanza che resteranno per sempre impressi nei ricordi di ogni bambino con tutta la tenerezza e la genuinità possibile.

E’ proprio la sera, poco prima di andare a dormire, infatti, che i più piccoli elaborano quanto accaduto loro durante la giornata e spesso hanno necessità di essere rassicurati. Tramite le favole e i racconti, papà e mamma possono portare conforto e dare coraggio al proprio piccolo senza affrontare di petto l’argomento che causa stress e offrire al contempo gli strumenti migliori per superare con successo le piccole difficoltà del quotidiano.

Storie

Serena notte per tutti i bambini

L’importanza ed il valore delle favole della buonanotte sono universalmente riconosciute dagli educatori e psicologi dell’infanzia. Il momento del racconto e della condivisone tra un genitore e un bambino ha una ricaduta positiva sulla crescita psicologica e d’animo dei più piccoli, che va oltre quello che possiamo immaginare ogni volta che ci sediamo accanto ai nostri figli prima di pronunciare il famoso incipit: “C’era una volta…”.

La storia della buonanotte dovrebbe essere un rituale di serenità presente in tutte le famiglia, a dispetto di tutti gli impegni e della stanchezza degli adulti. Si tratta di un momento di serenità e relax che fa bene anche a mamma e papà, poiché offre anche a loro l’opportunità di distrarsi piacevolmente dalla quotidianità e vivere un momento intimo e speciale con il proprio bambino.

Attraverso le storie della buonanotte, poi, è possibile affrontare in maniera delicata i piccoli conflitti, rafforzando il legame tra genitori e figli e costruendo momenti personali in cui confrontarsi senza stress, utilizzando argomenti adatti all’età dei più piccoli.

Se il bambino più grande, infatti, è per lo più capace di rielaborare nel modo corretto anche i momenti di "tensione" (rappresentati dalla sfida a cui è soggetto l'eroe) della fiaba, i bimbi che non hanno ancora compiuto i tre o i quattro anni potrebbero avere qualche difficoltà. Per loro, quindi, meglio scegliere libri brevi, pieni di colori e figure, in cui la narrazione procede sempre con serenità. In questo caso, i protagonisti dei racconti possono essere anche elementi naturali come il sole, la luna e le stelle, un fiore, una rosa, un animale domestico (che il piccolo possa riconoscere) come un cane, un gatto o una tartaruga.

Nelle fiabe il piccolo eroe ha sempre bisogno di un amico e aiutante per superare gli ostacoli: proprio come ogni bambino ha bisogno di avere al fianco i propri genitori. Quindi, dopo aver affermato con assoluta certezza che le storie della buonanotte fanno bene a grandi e piccini, vediamo come sceglierle e raccontarle.

Ovviamente, la variabile fondamentale è quella del tempo a disposizione: in genere, si dispone di circa mezz’ora: il tempo sufficiente per rilassare il piccolo e accompagnarlo verso il sonno. Scegliete la favola insieme a lui e preferite sempre il libro al supporto digitale. La letteratura offre infiniti testi e le stesse favole esistono in tante versioni, più o meno lunghe, adatte ad ogni età.

Potete scegliere di raccontare una fiaba dall’inizio alla fine in un’unica soluzione, oppure creare un appuntamento serale con le avventure del personaggio preferito.

L’importante è seguire qualche utile consiglio:

  • creare un’atmosfera rilassante
  • stabilire delle piccole regole condivise riguardo i tempi e le modalità di ascolto
  • leggere con serenità e voce calma
  • leggere interpretando
  • soffermarsi sui punti cruciali

Con i più grandicelli, poi, è possibile alternarsi nella lettura interpretando i diversi personaggi. Anche questa complicità sarà divertente e renderà più forte il legame con i vostri bambini.